PROBLEMI

Trascorriamo il 90% del nostro tempo in ambienti chiusi. L’inquinamento dell’aria, sia indoor sia outdoor, rappresenta il principale problema ambientale che riguarda la nostra salute e che colpisce ugualmente tanto i paesi sviluppati che quelli in via di sviluppo. Sono stati individuati più di 900 composti chimici negli ambienti chiusi, mentre alcuni inquinanti possono essere dalle 2 alle 5 volte più concentrati in ambienti chiusi che in ambienti esterni. L’inquinamento indoor rappresenta l’ottavo fattore di rischio di malattia per importanza, essendo responsabile di una percentuale stimata al 2,7% dell’onere mondiale di patologie. I decessi possibilmente correlati a inquinamento indoor vanno da 1,5 a 2 milioni ogni anno. Circa il 50% della popolazione mondiale (circa 3 miliardi di persone) è esposto a inquinamento indoor derivante da fuoco e stufe a legna per la cottura di alimenti.

SOSTANZE NOCIVE NEI POLMONI

Virus, batteri, spore, pollini aderiscono alla polvere sospesa nell’aria e vengono inalati dalle persone. Si sviluppano allergie, malattie respiratorie anche gravi. La legionella pneumophila in particolare, si sviluppa spesso nelle canalizzazioni degli impianti ti trattamento dell’aria e può causare una polmonite atipica che può rivelarsi fatale.

 

FONTI DI INQUINAMENTO  E LUOGHI

La contaminazione microbica è quella maggiormente legata alla presenza di umidità. Anche i sistemi di riscaldamento, ventilazione e condizionamento  possono agire da fonte inquinante.
PALESTRE E CENTRI ESTETICI
La possibilità di diffondere malattie infettive è elevata perché queste strutture presentano molti punti di rischio.
LUOGHI DI LAVORO
Dove sono presenti impianti di condizionamento dell’aria, è buona norma, oltre che obbligo di legge effettuare un trattamento periodico dei filtri e delle canalizzazioni. Con l’avvento del dl 81/2008 la responsabilità civile e penale è a carico del responsabile igiene e sicurezza e del datore di lavoro.
LUOGHI PUBBLICI
Negli alberghi, scuole, palestre, scuole, cinema è presente il grande rischio del “bioaereosol” e gli effetti nocivi possono riguardare sia gli operatori, sia gli utenti. Ogni oggetto, ogni superficie può essere occasione di contagio. Negli ambienti in cui sono presenti bambini o soggetti debilitati, si incontra spesso il rischio di vere e proprie epidemie; è quindi indispensabile tutelare le salute dei soggetti più esposti attraverso un’accurata igiene dell’aria e degli ambienti con sistemi ad alta efficacia e bassa tossicità.
SETTORE ALIMENTARE
L’elevato rischio di contaminazione batteriologica degli alimenti impone una costante attenzione visto che i microrganismi rappresentano la principale causa di malattie conseguenti all’ingestione di alimenti. Le celle frigorifere, i laboratori delle carni, le attrezzature, i mezzi di trasporto debbono essere accuratamente disinfettati per evitare contaminazioni incrociate.
TRASPORTI PUBBLICI
Ambulanze, treni, aerei, autobus ogni giorno espongono gli utenti al rischio di contagio. In particolare la necessità di sanificazione periodica si pone per il trasporto dei malati che per il personale incaricato
BONIFICA IMPIANTI AERAULICI
Dell’aria condizionata apprezziamo il confort dell’aria fresca che ci refrigera. Ma quanto può far male una cattiva manutenzione? E’ molto importante la pulizia dei filtri, dove si possono annidare molti batteri, ma non è sufficiente a garantire l’igiene dell’UTA, delle canalizzazioni e degli ambienti serviti. La bonifica periodica degli impianti con CLEAN CUBE garantisce un abbattimento della carica batterica e minor rischio per la salute